Vino

ICON_SFUSO
ICON_ETICHETTE
ICON_SFUSO

Sono 8 tipologie, tra bianco e rosso, contenute in altrettanti botti di acciaio – 6 da 400 litri e 2 da 600 litri. Ciclosfuso li serve al bicchiere, o in bottiglia.

Ma anche da portare via in bottiglia (il vuoto può anche essere fornito dal Cliente). Da sorseggiare a casa o da regalare agli amici.

5 i vini bianchi: da uve Grechetto (Lazio), da uve Riesling (Oltrepò Pavese), da uve Erbaluce (colline Novaresi), da uve Friuliano e un Arneis delle Langhe.

3 i vini rossi: da uve Barbera dei colli Tortonesi, da uve Vespolina e Uva Rara (Novara) e un Merlot del Lazio.


ICON_ETICHETTE

Sugli scaffali che girano intorno alle botti del vino sfuso, circa 100 etichette in bottiglia, selezionate da 46 aziende agricole sul territorio italiano. Bianchi, rossi, rosé e bollicine. Ma anche lo champagne.
Per citarne alcuni, piuttosto ‘originali’ e in tema con il luogo, i vini Moser e Coppi. Queste che seguono sono le aziende agricole, divise per regione, di cui abbiamo scelto i vini.
 
Campania: Iovine, Mazzella, Vadiaperti, Vigne Storte, Villa Dora,
Friuli: Borgo delle Oche, Clap, Simon
Lazio: Mottura
Liguria: Maixei
Lombardia: Balgera, Nettare dei Santi, Tenuta Mazzolino, Travaglino
Marche: Alarico, Maria Pia Castelli, Vignamato
Molise: Cipressi
Piemonte: Francesco Brigatti, Boschis, Castello di Verduno, Diego Conterno, Marina Coppi, Tenuta Montemagno, Andrea Tirelli
Puglia: Morella
Sardegna: 6 Mura
Sicilia: Centonze, Graci, Ottoventi
Toscana: Beconcini, Mormoraia, Pietralta, Tornesi
Trentino: Maso Cantanghel, Moser, Nicolodi, Obermoser, Raetia, Zeni
Umbria: Cantine Novelli
Valle d’Aosta: Feudi di San Maurizio, Quattremillemetre
Veneto: Cantine Lenotti, Corte Aleardi, Musella